Viaggio

La felicità non si misura in chilometri

Uno studio rivela che gli italiani quest’estate hanno preferito i viaggi verso luoghi più vicini a casa.

Il viaggio non è più lo stesso in questi tempi senza precedenti, ma i dati di questa estate rivelano che la felicità che il viaggio può dare non si misura in chilometri. I piani di viaggio saranno anche cambiati drasticamente nel 2020, ma questo ha dato ai viaggiatori l’opportunità di esplorare luoghi più vicini a casa, scoprendo – e in molti casi riscoprendo – gemme nascoste a portata di mano.

Approfondendo i modelli di viaggio di questa estate, è stato calcolato che la distanza media percorsa dagli italiani (giugno – agosto) è diminuita del 60% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso, in linea con la media globale del 63%. Ripensando all’estate del 2019, i viaggiatori italiani hanno percorso in media 1.071 chilometri per prenotazione. Quest’estate, la distanza è scesa a soli 427 chilometri per prenotazione, un numero leggermente superiore alla distanza che separa le città di Roma e Reggio Emilia.

Il 71% della distanza totale percorsa dagli italiani tra il 1 ° giugno e il 31 agosto 2020 è stata in Italia, rispetto a solo il 24% nello stesso periodo del 2019. Le città di mare e le destinazioni balneari sono in cima alla lista delle destinazioni di tendenza prenotate dai viaggiatori italiani, in quanto molti hanno colto l’opportunità di viaggiare per ricollegare familiari e amici che erano separati a causa di restrizioni di viaggio e misure di distanziamento sociale. Mentre l’Italia è stata in cima alla lista dei paesi più popolari prenotati dagli italiani quest’estate, il secondo paese più popolare prenotato dagli italiani è stata la Francia, seguita da Grecia, Spagna e Germania, a dimostrazione che anche se alcuni italiani avventurosi hanno viaggiato all’estero per trovare la loro felicità di viaggio, in generale hanno accolto bene l’idea di restare all’interno della loro sfera continentale.

Destinazioni riscoperte: da Positano al Lido di Jesolo

Molti italiani hanno riscoperto il fascino dell’Italia, con le tradizionali destinazioni balneari che hanno visto un relativo aumento di interesse da parte dei viaggiatori. Le destinazioni nazionali che si sono rivelate le star dell’estate 2020 sono Positano, Amalfi, Sorrento, Caorle, Tropea, Lido di Jesolo, Bibione, Lignano Sabbiadoro, Capri e Peschici.

Oltre ad alcune altre gemme balneari di tendenza, le classiche mete urbane sono ancora in cima alla lista delle destinazioni più popolari nella riscoperta del paese d’origine. Le destinazioni più prenotate quest’estate rivelano che gli italiani amano ancora un “city break” a Roma, Rimini, Firenze e Napoli.

E per quanto riguarda la scelta della sistemazione, gli italiani hanno optato più per agriturismi, rispetto allo scorso anno, seguiti da soggiorni in campeggio, country house e case vacanza che sono stati tutti in cima alla classifica delle tipologie di alloggio di tendenza per i viaggiatori italiani quest’estate. Questo aumento delle tende da campeggio mostra il cambiamento nelle tendenze di viaggio. Guardando alla fine del 2019, prima di sapere che i nostri programmi di viaggio per il 2020 sarebbero stati sconvolti da una pandemia globale, solo il 23% degli italiani intendeva soggiornare in un agriturismo, mentre il 60% prevedeva di soggiornare in un hotel tradizionale.

La rotta inaspettata per i nostri programmi di viaggio quest’estate

Mentre gli eventi dell’anno hanno portato a cambiamenti nei comportamenti di viaggio e nelle scelte di destinazione, il viaggio ha ancora trovato un modo per soddisfare la voglia di esplorare il mondo. Alla fine del 2019, gli italiani sognavano belle spiagge (48%) e viaggi in città (59%). Alcuni (25%) hanno persino sognato di viaggiare per visitare familiari e amici prima di sapere che il contatto con loro sarebbe stato limitato quest’anno.

In genere molti di quei desideri di viaggio sarebbero stati soddisfatti in destinazioni lontane, ma quest’anno molti hanno scoperto questi semplici piaceri della porta accanto. Quindi, sulle spiagge di Lido di Jesolo piuttosto che a Dubai, o esplorando le delizie della città di Roma invece che Lisbona, i desideri di viaggio di molti italiani sono stati esauditi nel 2020, solo un po’ più vicino casa.

Di Pino Volpe

Giuseppe Ivan Volpe, nato a Napoli l'11 dicembre 1980. Diplomato all'Istituto LGD (Laboratorio di Grafica e Design) di Napoli, lavoro a Venezia dal 2006 come webdesigner. Ho un grande interesse per la comunicazione pubblicitaria, il marketing, la fotografia, l'apprendimento (ho una buona conoscenza di Inglese e Spagnolo, sia parlato che scritto), lo sport e i viaggi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.