Venezia, Italia

Le grandi navi non potranno più passare nella laguna di Venezia

Il governo approva l’attracco a Marghera. Sarà una soluzione temporanea, in cerca di un sistema definitivo per far sbarcare i turisti delle crociere in città.

Le grandi navi da crociera saranno finalmente allontanate dal centro storico di Venezia e non transiteranno più davanti a piazza San Marco, ma dovranno attraccare a Porto Marghera. Questo è quanto stabilito dai ministri Roberto Cingolani (Transizione ecologica), Dario Franceschini (Cultura), Massimo Gravaglia (Turismo) ed Enrico Giovannini (Infrastrutture), che hanno dato il via libera al piano di allontanamento preparato dal Comune, da Regione Veneto e dalle compagnie di crociera. Una decisione che arriva in corrispondenza dei 1.600 anni dalla fondazione di Venezia. Al 25 marzo del 421 si fa risalire la posa della prima pietra della chiesa di San Giacomo di Rialto (San Giacometto).

Secondo il comunicato rilasciato dal governo, l’approdo di Porto Marghera sarà una misura temporanea ma necessaria a “proteggere il patrimonio storico e culturale” di Venezia, che appartiene “non solo all’Italia ma a tutto il mondo”. Nel frattempo, si legge nel comunicato, è stato lanciato “un concorso di idee per portare gli approdi fuori dalla laguna e risolvere in maniera strutturale e definitiva il problema.

Il passaggio delle grandi navi a Venezia è stato da tempo contestato per il suo impatto negativo sull’ecosistema della laguna e sulla sicurezza infrastrutturale degli edifici della città. Nel 2012 c’era stato un primo tentativo di risolvere il problema con il decreto Cini-Passera, ma non vennero mai realizzate le “vie alternative” al canale della Giudecca, previste dal decreto, per il transito delle navi da oltre 40mila tonnellate. Un nuovo tentativo di limitare l’accesso al canale è stato fatto nel 2014, ma il Tar ha annullato il provvedimento emanato dal comitato interministeriale competente. Dopo sette anni di contrattazioni e incidenti come quello della nave Opera, Comune, Regione, compagnie di crociera e governo, sono riusciti a sbloccare questa situazione, dirottando il traffico delle grandi navi nei terminal di Porto Marghera, attraverso il canale dei Petroli, in attesa di una soluzione definitiva.

(Fonte: Wired)

Di Pino Volpe

Giuseppe Ivan Volpe, nato a Napoli l'11 dicembre 1980. Diplomato all'Istituto LGD (Laboratorio di Grafica e Design) di Napoli, lavoro a Venezia dal 2006 come webdesigner. Ho un grande interesse per la comunicazione pubblicitaria, il marketing, la fotografia, l'apprendimento (ho una buona conoscenza di Inglese e Spagnolo, sia parlato che scritto), lo sport e i viaggi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.